pixel

Proprio settimana scorsa due contatti. Ognuno con le stesse richieste, con gli stessi dubbi e le stesse problematiche.
Una telefonata ad ognuno, di circa mezz’ora l’una perchè era necessario, poi i chiarimenti e le idee più nitide e semplici. A volte non è necessario mirare alla Luna per ottenere il risultato migliore. A volte è molto meglio cercare soluzioni più “alla portata”, soprattutto se sei piccolo-medio imprenditore.

Entrambi avevano la stessa richiesta:Vorrei vendere i miei prodotti ma non so come fare? Cosa mi consigliate?
Premetto che da mesi oramai è online una campagna pubblicitaria su Google nella quale vendiamo siti web “vetrina”, semplici. E puntualmente c’è sempre chi ci contatta anche per altro, anche per progetti più complessi. Noi non ci tiriamo indietro, ma cerchiamo sempre e comunque di far valere il lato professionale che ci contraddistingue, cercando di dare sempre consigli di valore.

Il Signor M. voleva vendere il suo prodotto in Italia e anche all’estero. Un prodotto per nulla rivoluzionario, aimè.
Mi rendo conto troppo spesso di quanto le persone siano convinte di voler mettere in atto un progetto enorme, convinte di avere tra le mani un prodotto stratosferico, mentre bastano pochi minuti per far capire loro che vendono un buon prodotto ma che non è nulla di rivoluzionario.
Così la loro voce cambia in un secondo, la percepisci dall’altro lato del telefono, forse tanta delusione e ci dispiace, ma non è nelle nostre corde mentire e illudere i clienti. È una sorta di codice deontologico che abbiamo dentro e che ci accompagna da sempre, per fortuna.

Il Signor M., così come la Signora S. vogliono vendere, non ci sono altre richieste. Vogliono riuscire a vendere e guadagnare dalla loro attività ma non sanno come fare.
Nel loro lavoro probabilmente sono bravissimi, ma quando si tratta di mettere in gioco strumenti differenti dalla loro professione, si perdono. È naturale, umano, ovvio.
Ed è qui che entriamo in campo noi, che entro in campo io, con le mie conoscenze, con la mia esperienza ed i miei suggerimenti.
Ecco allora che entrambi riflettono e comprendono quali sono le azioni più sensate da intraprendere e quali invece quelle da abbandonare (per ora).

La discriminante è quasi sempre la stessa. Non è l’idea, non è la voglia di fare, non è il prodotto che di per se pur non essendo rivoluzionario è tutto sommato buono.
La discriminante è il budget. Ogni volta, ogni giorno, alla luce di ogni progetto. Se non hai il budget difficilmente puoi fare programmi e sperare di ottenere un risultato.
Non illudiamo nessuno, non ha senso dire a qualcuno che anche senza soldi può mettere in piedi un impero o per lo meno cercare di imporsi sul mercato. Sarebbero solo frottole e le frottole fanno solo ridere i polli… che ci cascano.

Ricordo tempo fa addirittura un cliente che ci chiese: “Vorrei fare un sito tipo Amazon….
Restammo in silenzio qualche secondo, proprio perchè non sapevamo cosa rispondere davanti ad una richiesta del genere.
Ma poi risposi nel modo più logico possibile: “Hai il budget per fare un sito tipo Amazon?”
Vi lascio immaginare, dopo due calcoli veloci, quale fosse la risposta.
Capisci così che gli estremi non portano mai da nessuna parte, neppure le idee strambe anche quando magari un budget decente ce l’hai.

Trattando spesso con piccoli-medi imprenditori, ti rendi conto che il budget è vitale. Spesso è proprio da quella variabile che dipendono tutte le azioni di marketing online successive.
È una sorta di effetto dominio dal quale dipendono a cascata tutta una serie di scelte importanti e strutturate.

Il bivio è quasi sempre questo:

a) Ho un budget limitato e devo ottimizzarlo al meglio. (90% dei casi)
RISPOSTA: sfrutta Amazon che attualmente è lo strumento di e-commerce più usato al mondo.
Secondo una statistica che ho letto proprio settimana scorsa Amazon è la piattaforma online più usata dai piccoli-medi imprenditori per la vendita online dei loro prodotti.
Avrai quindi un investimento contenuto, sfrutterai un sito che già di suo fa pubblicità a se stesso e potrai avere l’occasione di vendere al meglio magari puntando anche su qualche campagna pubblicitaria su Facebook o Google che porta direttamente alla tua vetrina Amazon.
Non è fantascienza, è realtà. E in tal caso una realtà che coinvolge un budget alla portata di tutti coloro che vogliono vendere nel modo migliore.

b) Ho un budget alto e non ho problemi di investimento. (10% dei casi)
RISPOSTA: creiamo un e-commerce su misura con il quale puoi vendere direttamente i tuoi prodotti, senza appoggiarti magari ad altri siti web che ti chiedono percentuali sul venduto.
Il costo di un e-commerce è molto variabile ma certamente non è economico. Quindi prima di decidere di creare un e-commerce su misura bisogna essere consapevoli dell’elevato investimento e di tutto ciò che poi dovrete fare per sostenere tale sito web. Dovrete impostare campagne pubblicitarie massicce, dovrete essere consapevoli che in queste campagne entrerete in conflitto e in competizione con colossi proprio del calibro di Amazon. Quindi dovrete usare il vostro budget, seppur ampio, in maniera molto oculata e studiata possibile, con sistemi collaudati e tecniche specifiche fatte a tavolino.

Nel caso “a” è ovvio che non sarà precluso il fatto di avere un sito web personale.
Basterà fare un sito vetrina, che magari presenta semplicemente il prodotto e dal sito poi mandare ad Amazon ad esempio.
Quindi spendere il giusto per avere in cambio strumenti professionali che metteranno in evidenza la vostra attività e il vostro prodotto nel modo migliore possibile.

Nel caso “b” invece è altrettanto ovvio che nulla vi precluderà l’opzione parallela di vendere allo stesso tempo il vostro prodotto, oltre che sul vostro e-commerce, anche su Amazon.
Per avere maggior visibilità, maggiori possibilità di essere reperibili online attraverso più canali contemporaneamente.
Chiaramente sarà una scelta che dovrete fare in maniera molto attenta e ragionata, per evitare di non rovinare l’immagine della vostra azienda e del vostro prodotto.

Insomma tutte scelte molto importanti che a volte un professionista non può fare da solo.
C’è sempre bisogno di qualcuno che ne sa più di noi in un determinato settore, altrimenti rischiamo di finire contro ad un muro a fari spenti. E sono guai, oltre che dolori.

Se avete bisogno di una consulenza in tal senso contattatemi pure senza impegno.

A presto cari imprenditori!

 

Condividi la news