pixel

Quale scegliere? DEM o Newsletter.
Ma prima di tutto, sapete cosa sono e qual’è la differenza sostanziale?

In primis cerchiamo di comprendere il significato di DEM: Direct Email Marketing.
La DEM è uno strumento efficace che ti consente di comunicare con il tuo potenziale cliente in maniera personalizzata, inviando e-mail direttamente alla sua casella di posta elettronica. È un tipo di strategia commerciale, il cui obiettivo è quello di promuovere un prodotto o un servizio.
La particolarità di questo strumento sta nel fatto che gli utenti non solo leggono la mail ma interagiscono con essa e portano traffico al tuo sito web o in generale alla pagina web dedicata in cui vendi il tuo prodotto/servizio o offri un certo tipo di informazioni specifiche.
Quando si parla di DEM è bene spiagare un punto chiave dell’evoluzione di tale strumento nel corso degli anni e cioè il sostanziale passaggio da un “vecchio modello” verso un “nuovo modello” di fare marketing, nel quale le email hanno avuto e hanno tutt’ora sicuramente un ruolo chiave.
Mettere in piedi un sistema efficace di email marketing è quindi sostanzialmente un problema per molte piccole / medie imprese che nella maggior parte dei casi si affidano a metodi obsoleti, a meccanismi privi di strategia e di strumenti idonei. Cerchiamo quindi di capire in che direzione è bene muoversi.

Cerchiamo poi di capire cos’è una Newsletter.
Creare una Newsletter vuol dire creare un servizio informativo email settimanale (1 o 2 newsletter a settimana) da inviare al proprio database mail di clienti già in essere.
Tale “servizio” vi consentirà di rimanere meglio in contatto con i cliente stessi oppure eventualmente con i follower del vostro blog (se ne avete uno).
Potrete trattare argomenti in linea con il vostro settore, con i prodotti che vendete o con i servizi che offrite, cercando di non eccedere mai nella glorificazione del vostro brand e di non fare pubblicità spudorata durante le vostre e-mail. La vostra newsletter dovrà così avere la semplice e fondamentale funzione di “informare” i vostri clienti con notizie interessanti, di carattere specifico o generale, argomenti che attirano l’attenzione e che invoglino il lettore a non cancellarsi mai dalla vostra lista.

Quindi la differenza sostanziale è che la DEM è creata e strutturata per: 1) Attirare l’attenzione; 2) Educare all’acquisto e all’interesse verso il proprio brand; 3) Vendere un prodotto/servizio.
Mentre la Newsletter è creata per informare i propri clienti e cercare di tenerli “legati” a sè con notizie degne di nota, ben scritte e accattivanti.
Questa è la differenza alla fine.

In entrambe i casi c’è da dire che sarà importantissimo seguire determinati dettami e regole, affinchè siano scritte in maniera corretta.
Eccone alcune:

1) Pre-Header: aiuta i destinatari a farsi un’idea chiara e precisa del contenuto della mail ancora prima di aprire il messaggio. Viene spesso usato per approfondire l’oggetto della dem, integrarlo e rafforzarlo, con un approccio persuasivo che stimoli il destinatario ad aprire la mail.

2) Immagine principale: deve attirare l’attenzione! Il tempo è poco e un’immagine efficace trattiene immediatamente il destinatario sulla mail, facendogli leggere il messaggio o facendogli successivamente compiere un’azione. L’immagine deve quindi corredare l’oggetto della mail e il pre-header.

3) Descrizione: un breve testo che descrive il prodotto/servizio in oggetto è utile ad approfondire le caratteristiche dello stesso. Sarà sempre utile anche nei casi in cui le immagini principali non vengono subito visualizzate dai server di posta (come capita spesso).

4) Punti di forza: in alcuni casi si possono anche inserire delle icone/simboli che rafforzano ancora di più il concetto descrittivo.

5) Azione: sarà infine fondamentale la presenza di una call-to-action (invito all’azione) ben visibile e che in modo semplice e chiaro stimoli l’utente a cliccare per compiere un’azione ben precisa (compilazione modulo, acquisto prodotto, approfondimento su una landing page o su un sito web, ecc.). Meglio se un bottone bello grosso per ampliare l’area di clic e quindi facilitare sempre l’utente stesso.

PUNTARE QUINDI SU:

  • Oggetto: è il cuore della mail. Se azzecchi quello sei già a metà dell’opera. E’ da li che si capisce già se vale o meno la pena aprire una mail.
  • Creatività: un’immagine accattivante, che comunica un’emozione, una foto che scatena una reazione, una serie di elementi visivi che in parallelo ai contenuti è in grado “subito” di bloccare l’utente davanti al video e di farlo rimanere fisso invogliandolo a leggere il contenuto successivo. Non solo immagini ma anche titoli, parole, costituiscono un’ottima mail se gestiti in modo corretto e soprattutto originale.
  • Contenuti: spesso avete poco testo a disposizione e in quel poco testo bisogna esprimere tutto in modo chiaro ed efficace. Quindi i contenuti sono la parte più importante sulla quale lavorare per convincere il potenziale cliente a rimanere inchiodato sulla mail e a non cancellarla subito o scorrere alla successiva. Dovrete quindi evidenziare i benefici dell’offerta che fate ed esporre il contenuto con estrema chiarezza!

P.S. In ogni caso, sia per creatività che contenuti, potete prendere spunto dai migliori, ma evitate copia/incolla che non portano da nessuna parte, anzi….

EVITARE:

  • Scritte in maiuscolo: sempre meglio usare un giusto equilibrio tra minuscole e maiuscole. Quando scrivi in maiuscolo è come se tu “gridassi”.
  • Termini che possono mandare la mail in spam: gratis, guadagna, soldi, ecc
  • Colori troppo accesi e font incomprensibili: colori troppo vivi e mischiati danno fastidio alla lettura. Font troppo complicati hanno lo stesso effetto
  • Ne troppo testo ne troppe immagini: anche in questo caso è bene usare un giusto equilibrio tra testi brevi e poche immagini non troppo pesanti (le mail infinite non le legge nessuno!)
  • Testo troppo tecnico: un linguaggio tecnico è comprensibile solo a te, mentre per i tuoi clienti è meglio usare un linguaggio più comprensibile
  • MAIL senza la possibilità di disiscrizione: a fondo mail indica sempre come gli utenti possono fare per cancellarsi dalla lista.

STRUMENTI PER INVIO e GESTIONE DEM e NEWSLETTER:

1) HUBSPOT: www.hubspot.com
2) AWEBER: www.aweber.com
3) ACTIVE CAMPAIGN: www.activecampaign.com

A presto cari imprenditori!

 

 

 

 

Condividi la news